Infermieri a domicilio con il FaRo Assistenza

Il Centro Servizi Sanitari ed Assistenziali Il FaRo offre un servizio di infermieri a domicilio selezionati sulla base dell’esperienza maturata in attività ospedaliere e domiciliari.

Gli interventi di assistenza infermieristica sono programmati con il nostro supporto in funzione delle esigenze specifiche del richiedente.

E’ possibile programmare l’invio dell’infermiere occasionale oppure organizzare gli interventi in cicli a seconda dei bisogni del paziente.

Soluzioni personalizzate per ogni tipologia di intervento: emergenziale, occasionale, programmato.

Lavoriamo ogni giorno per migliorare la qualità della vita delle persone anziane o non autosufficienti, fornendo i migliori servizi a domicilio e ponendo tutta la famiglia al centro del percorso di cura.

Mantenere le persone di più a lungo possibile a casa, assistite correttamente e in sicurezza incide sul benessere non solo del paziente ma di tutta la famiglia.

Prestazioni:

L’infermiere professionale a domicilio è in grado di effettuare:

  • Medicazioni semplici o complesse
  • Medicazione piaghe da decubito
  • Cateterismi (cambio catetere)
  • Somministrazione farmaci orali, intramuscolari o per via endovenosa
  • Prelievo di sangue o raccolta di liquidi biologici mediante esami estemporanei
  • Sondaggio gastrico o duodenale a scopo nutrizionale, diagnostico o evacuativo
  • Manipolazione e controllo di drenaggi
  • Rilevazione parametri vitali e valori (temperatura, polso arterioso, pressione arteriosa, atti respiratori, diuresi, peso corporeo)

Contattaci per una consulenza personalizzata! 

Holter cardiaco domiciliare

L’holter cardiaco o elettrocardiogramma dinamico completo secondo Holter è un test non invasivo e indolore che permette di registrare 24 ore su 24 l’attività elettrica del cuore.

A che cosa serve l’holter cardiaco?

L’holter cardiaco è uno strumento importante nello studio di tutte le aritmie e di sintomi quali il cardiopalmo, le vertigini, le perdite di coscienza. Talora è utile anche nelle condizioni di un difettoso apporto di sangue al cuore (ischemia) o di dolore toracico di natura da definire.

Come si svolge l’holter cardiaco?

L’holter cardiaco si effettua attraverso un apparecchio che registra per almeno 24 ore l’attività elettrica del cuore. Il paziente deve recarsi presso l’Unità Operativa di Cardiologia, dove gli vengono applicati sul torace alcuni elettrodi collegati all’apparecchio portatile (un piccolo registratore a batteria), che il paziente indosserà per il periodo prefissato dal medico, di giorno e di notte, così da registrare in modo continuativo, e durante l’espletamento delle normali attività quotidiane, il suo elettrocardiogramma.

Al termine dello studio il paziente riceve un appuntamento con l’operatore per rimuovere gli elettrodi e consegnare l’apparecchio contenente i suoi dati che il medico analizzerà per determinare una diagnosi e studiare eventuali patologie cardiache.

Durata dell’holter cardiaco

Nell’holter cardiaco, la rilevazione dell’attività elettrica del cuore può durare dalle 24 ore a un’intera settimana.

Norme di preparazione dell’holter cardiaco

Durante la registrazione dell’holter cardiaco il paziente deve eseguire la sua attività quotidiana senza limitazioni, ponendo solo cura al fatto che le piastrine non si stacchino dalla pelle per movimenti eccessivi.

Qualora si avverta un disturbo, questo può essere segnalato premendo un pulsante e memorizzato dall’apparecchio. I segnali elettrici memorizzati vengono elaborati da un apparecchio esterno quando il registratore viene staccato dal paziente.

Controindicazioni all’holter cardiaco

L’esecuzione dell’holter cardiaco non ha controindicazioni.

APPROFONDIMENTO:

Holter pressorio

Esiste inoltre un altro tipo di esame chiamato Holter pressorio che viene utilizzato per la misurazione della pressione nel tempo.

Assistenza persone con disabilità

I servizi di assistenza domiciliare a persone con disabilità

Quando la volontà del paziente e della sua famiglia è quella di ricevere le cure nella propria abitazione si ricorre all’assistenza domiciliare. L’assistenza domiciliare riguarda un insieme di trattamenti e interventi per il supporto della persona malata, anziana, disabile o non autosufficiente, presso il domicilio.

In cosa consiste l’assistenza domiciliare alle persone con disabilità?

La disabilità rappresenta un aspetto molto delicato per le famiglie. Proprio per questo motivo nasce l’assistenza domiciliare a persone con disabilità.

Il fine dell’assistenza domiciliare è infatti quello di garantire le migliori cure al paziente, assicurandogli anche la permanenza in un ambiente a lui familiare.

I pazienti vengono seguiti da un’equipe multi professionale che si occupa di aiutare direttamente la persona, di assistenza sanitaria e di ausilio nelle faccende domestiche.

Quali sono gli obiettivi dell’assistenza domiciliare a persone disabili?

Il fine principale di questo tipo di assistenza è quello di favorire la permanenza presso il proprio domicilio a persone con disabilità limitando quindi il ricorso all’istituzionalizzazione. Così facendo si ha la possibilità di sostenere i nuclei familiari ed aiutarli nella cura delle persone disabili.

Gli altri obiettivi sono:

· Sostenere lo sviluppo dell’autonomia del soggetto
· Rimuovere gli ostacoli che aggravano la condizione di disabilità
· Sostenere e supportare le famiglie
· Garantire interventi individuali e personalizzati, attraverso l’azione educativa, sanitaria, assistenziale e riabilitativa.

 

Servizi domiciliari Telesoccorso e Telecontrollo

Telesoccorso e telecontrollo

Il Telesoccorso è un servizio rivolto principalmente agli anziani ed in particolare alle persone che
vivono da sole o in condizioni di isolamento; ma è altrettanto utile a quanti si trovano
temporaneamente o stabilmente in situazione di disagio di disabilità fisica, o di grave patologia.

E’ un servizio nato per garantire la serenità e la sicurezza domiciliare.

Ritarda il ricorso alla istituzionalizzazione e favorisce la permanenza dell’individuo nel proprio
contesto sociale.

Attivazione del Servizio

L’utente viene dotato di una unità domiciliare collegata al telefono di casa ed un telecomando
da portare sempre con sé. In caso di bisogno l’utente aziona il telecomando e l’unità domiciliare
compone automaticamente il numero della Centrale d’Ascolto con la richiesta di aiuto.

Contattaci per ulteriori informazione e conoscere meglio il servizio! 

 

Assistenza Sanitaria Pneumologica

BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA – Assistenza Domiciliare

IL FUMO DELLE SIGARETTE È LA CAUSA PIÙ IMPORTANTE DI BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA. LA SINTOMATOLOGIA COMPRENDE TOSSE ED ESITA IN DISPNEA (RESPIRO AFFANNOSO).

LA DIAGNOSI SI PONE CON RADIOGRAFIA TORACICA E TEST DELLA FUNZIONALITÀ POLMONARE.

L’ASTENSIONE DAL FUMO E L’ASSUNZIONE DI FARMACI CHE MANTENGANO APERTE LE VIE AEREE SONO APPROCCI TERAPEUTICI IMPORTANTI.

IN PRESENZA DI FORME GRAVI, POTREBBE ESSERE NECESSARIO ASSUMERE ALTRI FARMACI, SOTTOPORSI A OSSIGENOTERAPIA O RIABILITAZIONE POLMONARE.

LA BPCO DETERMINA UN CALO PERSISTENTE NELLA VELOCITÀ DEL FLUSSO AEREO DAI POLMONI IN FASE ESPIRATORIA, CHIAMATA RIDUZIONE PERSISTENTE DELLA CAPACITÀ DI ESPIRARE. LA BPCO COMPRENDE DIAGNOSI DI BRONCHITE OSTRUTTIVA CRONICA ED ENFISEMA. MOLTI PAZIENTI PRESENTANO ENTRAMBE LE AFFEZIONI.

LA BRONCHITE ASMATICA CRONICA È SIMILE ALLA BRONCHITE CRONICA. I PAZIENTI PRESENTANO SIBILO, UNA TOSSE PRODUTTIVA DI ESPETTORATO E OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE PARZIALMENTE REVERSIBILE. INSORGE PREVALENTEMENTE NELLE PERSONE CHE FUMANO E SOFFRONO DI ASMA. IN ALCUNI CASI, LA DISTINZIONE TRA BRONCHITE CRONICA OSTRUTTIVA E BRONCHITE CRONICA ASMATICA NON È CHIARA, QUINDI LA PATOLOGIA PUÒ ESSERE DEFINITA COME COMPRESENZA DI ASMA E BPCO.

  • CESSAZIONE DEL FUMO
  • ATTENUAZIONE DEI SINTOMI (AD ESEMPIO CON FARMACI)
  • CURE DI SUPPORTO (AD ESEMPIO RIABILITAZIONE POLMONARE, UNA DIETA NUTRIENTE)
  • L’ABOLIZIONE DEL FUMO RAPPRESENTA IL TRATTAMENTO PIÙ IMPORTANTE PER LA BPCO.

RIVOLGITI SEMPRE CON FIDUCIA AL TUO MEDICO CURANTE O ALLO SPECIALISTA PRIMA DI INTRAPRENDERE UNA CURA FARMACOLOGICA!

Malattie Neurodegenerative e Caregiver

Malattie neurodegenerative (MN)

Malattie neurodegenerative (MN) è un termine generico che indica una serie di condizioni che colpiscono soprattutto i neuroni del cervello umano. Caregiver.

I neuroni sono gli elementi costitutivi del sistema nervoso, che comprende il cervello e il midollo spinale. I neuroni normalmente non si riproducono, pertanto, quando subiscono dei danni o muoiono, questi non possono essere sostituiti dall’organismo. Le MN includono il Parkinson, l’Alzheimer e il morbo di Huntington.

Le MN sono patologie debilitanti e non curabili, che provocano la degenerazione progressiva e/o la morte delle cellule nervose. Ne conseguono disturbi nel movimento (le cosiddette atassie) o nel funzionamento mentale (le cosiddette demenze).

La demenza senile è una malattia neurodegenerativa dell’encefalo, che colpisce le persone anziane e determina una riduzione graduale e irreversibile delle facoltà cognitive con l’avanzare dell’età.

La demenza senile provoca un’ampia varietà di sintomi e segni; inizialmente, produce occasionali problemi di personalità, lievi deficit di memoria, linguaggio e ragionamento ecc.; a uno stadio intermedio, è responsabile di un peggioramento delle problematiche iniziale, di un declino parziale delle facoltà cognitive ecc.; infine, allo stadio avanzato, è motivo di una perdita totale delle capacità cognitive, difficoltà di deglutizione, incapacità di riconoscere le persone care.

Rivolgiti sempre con fiducia al tuo medico curante o allo specialista prima di intraprendere una cura farmacologica! Caregiver!

Il FaRo: essere presenti, sempre!

andratuttibene

Filo diretto – Psicologico – #andratuttobene

Filo Diretto Psicologico

Per questo periodo di grave emergenza, è attivo un servizio telefonico di ascolto e SUPPORTO PSICOLOGICO GRATUITO per gestire lo stress durante l’epidemia da Coronavirus.

Lo sportello è attivo al numero 3771059581 dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle ore 18:00.

È gestito dalla dott.ssa Vincenza Avallone, psicologa e psicoterapeuta.

Il FaRo: essere presenti, sempre!

giornata-della-prevenzione

Giornata di prevenzione

GIORNATA DI PREVENZIONE
VISITA SENOLOGICA con ECOGRAFIA MAMMARIA GRATUITA Venerdi 6 settembre dalle ore 09:00 alle ore 14:00 a cura del Prof. Antonio Santoriello – Chirurgo Senologo
Per un aiuto concreto alle fasce deboli

1 2 3 5
Call Now ButtonContattaci