Telesoccorso, domiciliarità, allarme soccorso, allarme assistenza, centrale operativa, telecontrollo, servizio di telecontrollo, servizio di telesoccorso, telecomando allarme, amico in linea

Il radioso “FaRo” del Telesoccorso e del Telecontrollo

Per favorire la domiciliarità e consentire alle persone fragili o che si trovano in uno stato di isolamento (anziani, parzialmente autosufficienti, disabili o soggetti con particolari patologie) di vivere serenamente ed in sicurezza presso la propria abitazione, il centro Il FaRo di Cava De’ Tirreni, punto di riferimento a Salerno e provincia nell’assistenza sanitaria domiciliare, aggiunge ai già innumerevoli servizi offerti, il Telesoccorso e il Telecontrollo.

“Attraverso il monitoraggio della condizione psico-sociale e per mezzo della gestione delle emergenze che possono verificarsi nelle abitazioni, il nostro centro affronta due importanti problemi molto spesso trascurati: l’isolamento e l’insicurezza. Tali condizioni possono infatti determinare, se protratti nel tempo, stati di disagio e di invivibilità che frequentemente sfociano nel ricorso a forme assistenziali alternative, premature o improprie, come l’ospedalizzazione o l’istituzionalizzazione”, afferma Luigi Falcone, amministratore del centro.

“Il nostro servizio di Telesoccorso -continua Falcone- rileva in tempo reale, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, le situazioni di emergenza che si verificano presso il domicilio dell’assistito, al fine di consentirne la gestione da remoto attraverso l’attivazione tempestiva delle forme più idonee di soccorso e/o di assistenza. In caso di necessità l’utente attiva un allarme mediante la semplice pressione del pulsante di un piccolo radiocomando portatile. L’impulso raggiunge la nostra centrale operativa e, nell’immediato, il nostro operatore contatta l’assistito in viva voce mediante un interfono collegato al telefono di casa per pianificare le attività di soccorso. In caso di esito negativo si ripete la chiamata sul telefono fisso. In assenza di risposta si avviano le operazioni di ricerca e attivazione dei soccorsi. Se i soggetti deputati al primo soccorso non sono reperibili o disponibili ad intervenire (parenti, amici, vicini di casa, etc) vengono allertati gli operatori del 118 e/o i Vigili del Fuoco per richiedere un intervento forzato all’interno dell’abitazione”.

“Il servizio di Telecontrollo consiste invece -sostiene Elisabetta Ronza- nello svolgimento di un piano regolare e concordato di colloqui telefonici personalizzati con i nostri utenti, condotti in giorni e ad orari prestabiliti.

Più precisamente questo servizio si prefigge tutta una serie di obiettivi a prevalente carattere sociale mirati a dare risposta ai vari bisogni dei nostri assistiti al fine di migliorare la qualità della loro vita, a tutelarne il benessere psico-fisico, ad attuare forme di sostegno relazionale, psicologico e di segretariato sociale. Nel corso dei colloqui telefonici monitoriamo, inoltre, con adeguata discrezione, la situazione ambientale e personale del nostro cliente, i suoi problemi di salute ed eventuali condizioni latenti di rischio esercitando un’azione promozionale di abitudini di vita corrette. Alla fine di ogni colloquio i nostri operatori registrano le informazioni acquisite e queste note saranno motivo di attenzione per le chiamate di controllo successive. Anche nel Telecontrollo, in assenza di risposta o in caso di riscontri incerti o comunque non definitivi, prende avvio la procedura di soccorso con l’eventuale coinvolgimento dei soccorritori istituzionali”.

“Per confermare ulteriormente la nostra particolare attenzione ai bisogni delle fasce sociali più deboli -conclude Falcone- entrambi i servizi sono offerti ad un costo bassissimo e davvero alla portata di tutti. Meno del prezzo di un caffè al giorno”.

Scopri i nostri servizi di Telesoccorso e Telecontrollo

38d21270-a4a9-4909-bf0e-38ba35722f98

Call Now ButtonContattaci